Ubuntu, stampanti e scanner hp hplip

Probabilmente hai già perso la pazienza cercando come installare una stampante multifunzione hp su ubuntu. Dovrebbe essere, almeno in teoria, e nella maggior parte dei casi, un processo semplice. A volte però diventa un test di resistenza e piusttosto di installare la stampante hp su linux, verrebbe voglia di farla volare dalla finestra. Dicono di contare fino a 10 prima di parlare (in questo caso scrivere), ma in questo cosa sono dovuto arrivare fino a 1000 per filtrare tutti i termini poco consoni che avrei voluto utilizzare… anche se la tentazione è forte.

Fatta questa premessa, cerco di essere più oggettivo e calmo possibile, elencando le possibile sfighe che possono capitare quando si installare una stampante multifunzione hp su ubuntu, e come superarle. Iniziamo.

Il primo (e possibilmente unico) passo da fare indicato dal sito HP, è quello di installare il driver di stampa unificato per linux, scaricandolo il pacchetto ubuntu hplip dal sito ufficiale. Fino a qui tutto semplice. Una volta scaricato, dare i permessi corretti al pacchetto ed eseguirlo come utente NON root, e nemmeno usando SUDO:

 
 
  1. chmod +x hplip-3.20.3.run

A questo punto si apre il wizard di installazione della stampante sul vostro amato linux, e seguite passo passo le indicazioni, inserendo la password per diventare root (sudo), quando richiesto. Facile vero? Bene, iniziamo l’elenco delle possibili rogne.

Problemi generali con i permessi

Caso A: il vostro utente non è ancora stato aggiunto ai gruppi usati per lo scanner

Soluzione 1: apri il terminale e scrivi:
nano /etc/group

a questo punto aggiungi il tuo utente ai gruppi scanner e saned

Soluzione 2: se non sai come si modifica il file /etc/group, apri il terminale e scrivi:
sudo usermod -a -G scanner,saned TuoNomeUtente

Caso B: lo script di installazione non riesce a leggere il file ppd

apri il terminale e scrivi:
sudo chmod +r /etc/cups/ppd/HP_LaserJet_Pro_MFP_M127fs.ppd

Errore di comunicazione con il device hpaio

Le cause possono essere diverse, per questo elenco le possibili soluzioni. Questo errore può capitare sia collegando la stampante a linux via usb, sia con stampanti connesse via rete.

Non è possibile aprire il dispositivo 
‘hpaio:/usb/HP_LaserJet_Professional_M1132_MFP?serial=000000000QH475RLPR1a’: 
Si è verificato un errore durante l’I/O sul dispositivo.

o in inglese…

Failed open device
'hpaio:usb/HP_LaserJet_Professional_M1212nf_MFP?serial=000000000ST10HPQPR1a':
Error during device I/O.

Soluzione 1:

Apri il terminale e scrivi:
sudo gedit /etc/sane.d/dll.conf

scorri la lista, posizionati su hp premi Invio ed aggiungi sotto
hpaio

Soluzione 2:

Apri il terminale e scrivi:
sudo hp-plugin

Seguire i passaggi suggeriti ed installare quanto richiesto. Potrebbe succedere a questo punto che il simpatico app-armor impedisca di completare l’installazione. In questo caso…

Soluzione 3:

Apri il terminale e scrivi:

sudo apt-get install apparmor-utils
sudo aa-disable /usr/share/hplip/plugin.py

Questo non dovrebbe dare errori. Ora riprova ad installare hp-plugin come da Soluzione 2… sperando vada a buon fine.

Per verificare che sia tutto ok o identificare altri problemi, si può usare il comando
sudo hp-doctor

Applicazione linux per lo scanner xsane / simple-scan

Una volta installato tutto correttamente (si spera), per avviare la scansione basta cliccare 2 volte sull’icona HP nell’area di notifica, scegliere la stampante, e quando ha finito (con comodo…) di fare i suoi check, cliccare su scanner. Potrebbe succedere che sua maestà faccia partire il programma linux per lo scanner xsane (credo abbia la mia età, ma è molto ricco di opzioni). Per i più fortunati, viene abbinato il click all’applicazione simple-scan, decisamente più semplice ed intuitiva, sebbene con molte meno opzioni… ma basta e avanza nella maggior parte dei casi.

Auguri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.