Disabilitare Netplan e tornare a IfUpDown

Systemd (e chi lo ha concepito) deve morire, e immagino di non essere il solo a pensarlo. Evidentemente qualcuno un bel giorno si è svegliato male e ha deciso di condividere il dolore con altri utenti, decidendo di sostituire un servizio semplice, stabile e consolidato da anni (ifupdown), con qualcosa apparentemente innovativo (netplan). A ma fa solo venire voglia di ripristinare le torture medievali. Come si può notare dal file /etc/network/interfaces, già qualcuno ha previsto che netplan potesse essere odiato, tanto che le prime righe di commento sono:

 
 
  1. # ifupdown has been replaced by netplan(5) on this system. See
  2. # /etc/netplan for current configuration.
  3. # To re-enable ifupdown on this system, you can run:
  4. # sudo apt install ifupdown

Dopo questa chiarissima introduzione, passiamo ai comandi (da eseguire tramite sudo, o da root) per capire come disabilitare netplan e ripristinare ifupdown:

 
 
  1. # apt-get update
  2. # apt-get install ifupdown
  3. # systemctl stop systemd-networkd.socket systemd-networkd networkd-dispatcher systemd-networkd-wait-online
  4. # systemctl disable systemd-networkd.socket systemd-networkd networkd-dispatcher systemd-networkd-wait-online
  5. # systemctl mask systemd-networkd.socket systemd-networkd networkd-dispatcher systemd-networkd-wait-online
  6. # apt-get --assume-yes purge nplan netplan.io

A questo punto aprire /etc/network/interfaces ed inserire la configurazione di rete, come ad esempio quella che segue:

 
 
  1. #allow-hotplug eth0
  2. auto eth0
  3. iface eth0 inet static
  4. address 192.168.1.100
  5. netmask 255.255.255.0
  6. #broadcast 192.168.1.255
  7. gateway 192.168.5.1
  8. #dns-nameservers 8.8.8.8

oppure nel caso di dhcp

 
 
  1. #allow-hotplug eth0
  2. auto eth0
  3. iface eth0 inet dhcp

Per quanto riguarda la configurazione ipv6, la sintassi è la stessa ma bisogna cambiare inet con inet6.

Come si può vedere, la riga dns-nameservers (che in realtà sarebbe utilissima), purtroppo funziona solo con resolvconf (o similari), altro servizio che detesto. Esiste un bellissimo file in /etc/resolv.conf, ma per poterlo usare bisogna fare anche qui un pò di pulizia:

 
 
  1. apt autoremove --purge resolvconf
  2. cd /etc/
  3. mv resolv.conf resolv.conf.orig
  4. nano /etc/resolv.conf

e scrivere il seguente contenuto (o altri dns secondo esigenze). Non entro nel merito dei parametri search dominio.tld in quanto non oggetto di interesse di questo post.

 
 
  1. #search dominio.tld
  2. nameserver 8.8.8.8
  3. nameserver 1.1.1.1

Un bel CTRL+o (per salvare), INVIO, e CTRL+x (per uscire) e il gioco è fatto.

Nel caso non vi serva il wi-fi, aggiungerei anche la pulizia di network-manager, altro servizio che spesso non riconosce (o gestisce male) la connessione in uso.

Con l’occasione segnalo un comodo tool per analizzare le caratteristiche della scheda di rete in uso e lo stato della connessione:

 
 
  1. apt install ethtool
  2. ethtool eth0

Ora incrocia le dita, riavvia il pc e goditi una connessione stabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.