Ubuntu Vs. Archlinux

Chi vincerà la sfida? :) Bene, stasera ho preso seriamente in considerazione l’ennesima distribuzione linux, spinto dall’esaurimento nervoso dovuto alla ricerca dei parametri da passare al kernel per riuscire a installare Ubuntu su una macchina. Chiariamo subito: AMO Ubuntu, e mi dispiace aver dovuto prendere in considerazione un altro linux, però è giusto dare a tutti una possibilità… giusto?

E così ho installato Archlinux!

L’installazione è una meraviglia (almeno per chi come me amava, prima di Ubuntu, la mitica Slackware! bei tempi…). Si installa completamente da riga di comando e alla fine presenta all’utente i principali files di configurazione per editarli manualmente secondo le necessità. Ottimo.

Visto il lavoro che faccio, però, la prima cosa che cerco di fare è ricreare il classico server LAMP (Linux Apache MySQL PHP). Anche qui con un comando si installano i pacchetti necessari. (# pacman -Ss apache php mysql). A questo punto viene il bello: la configurazione di Apache! Abituato alla praticità e comodità di Ubuntu, guardo le cartelle in /etc/httpd/ e vedo che l’organizzazione dei file e quindi la suddivisione della configurazione, segue una logica completametne diversa. (a mio avviso, la configurazione di apache su Ubuntu è MOOOLTO migliore)

Dunque cerco di ricreare su Archlinux la configurazione di apache in stile Ubuntu. Creo le cartelle e i files necessari, sposto e raggruppo alcuni pezzi di configurazione, aggiungo alcune direttive di inclusione in httpd.conf e il gioco è fatto… sperando che al primo update non succedano disastri. Speriamo bene! (a dirla così sembra semplice, ma ci ho perso almeno 3 ore, contro i 2 minuti necessari su Ubuntu, compreso il download dei pacchetti dalle repository)

Se qualcuno di Archlinux leggesse questo post, potrebbe gentilmente spiegarmi perchè tutti i moduli di apache li chiamate mod_qualcosa.so e il php5 lo chiamate libphp5.so? Mi spiegate anche come mai tutti i moduli di default hanno i permessi di esecuzione e libphp5.so no? Grazie per avermi fatto perdere tempo!

Morale della favola: stando ad una analisi iniziale abbastanza sommaria, per il momento sembra che la sfida sia in pareggio per le seguenti considerazioni (almeno dal mio punto di vista):

Ubuntu: script di installazione/ri-configurazione/automazione + potenti

Archlinux: drastica riduzione della configurazione in pochi file e semplificazione dell’init del sistema secondo il buon vecchio stile Slackware (questo però è un PRO solo per chi ha già una certa dimestichezza nel farsi le configurazioni a mano)

Prossimamente, magari quando avrò conosciuto un pò meglio Archlinux, scriverò altre considerazioni. A presto… Sciauuuu AmiScii!

2 thoughts on “Ubuntu Vs. Archlinux

  1. Framp

    una logica diversa non è per forza sbagliata..
    apache sulla mia arch funge benone e non ci ho perso mica 3 ore 😛
    non ho modificato quasi niente dopo l’installazione, giusto due righe da qualche parte

    ma scusa i moduli su ubuntu come si chiamano?
    es: mod_rewrite.so

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code class="" title="" data-url=""> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> <pre class="" title="" data-url=""> <span class="" title="" data-url="">