Network Manager e WiCD, Linux e Wireless, con contorno di insulti e bestemmie fino a stancarmi

Breve lista di ciò che mi sta facendo altamente girare le palle da qualche giorno. Premesso che si tratta di uno sfogo (o una “lamentazione” per dirla come il grande Asbesto), non voglio sentire i soliti commenti del cazzo di quei pochi che hanno buon tempo da perdere per far funzionare le cose testando uno ad uno tutti i milioni di parametri possibili. Se si vuole che una tecnologia cresca, deve essere semplice da usare. Il tutto è ambientato nella mia cara distribuzione UBUNTU Linux, che a volte non sembra tanto comoda come si vorrebbe far credere (ma non è colpa sua), visto che sono già 2 giorni che combatto con un cazzo di chipset ralink per connettermi in wpa2 con tkip/aes.

Ecco il menu della casa:

  • linux e wireless (eh? cosa?!? tutto tranne che accoppiata vincente!)
  • network manager (…e il suo “device non supportato” – funzionasse una volta…)
  • wicd (un pò meglio di network manager, ma senza 3/4 delle funzionalità)
  • wpa_supplicant (ora so perchè si chiama SUPPLICANT)
  • wep (inutile), wpa e wpa2 (e la loro cazzo di configurazione)
  • chipset ralink (o forse è + corretto raMERDAlink, da non confondere con dCAZZOlink – sarà che fanno cacare tutti quelli che finiscono con LINK?)
  • /etc/network/interfaces (e le sue parti di sintassi da cercare nei forum)
  • iwconfig (e le sue 20.000 opzioni)
  • iwpriv e i driver di default che non lo supportano (e fatalità tocca scaricarli dalla repository e compilarseli)

…e per gradire, accompagnamo il tutto, con un gradevolissimo contorno insulti insaporito di bestemmie nostrane per completare l’opera.

Ma vi costa tanto fare un cazzo di standard? Eh? Sembra brutto fare una interfaccia comune e semplificata già a livello di file di configurazione? Possibile che per avere il wireless su linux bisogna bestemmiare in tutte le lingue? Fare una configurazione per il wifi che abbia una sintassi semplice e standard come quella delle schete wired, è vietato dalla bibbia? Visto che si tratta di progetti che sono tutti opensource, che sia il caso di collaborare e fare un’interfaccia unica e  un programma che quindi funzioni con tutti i driver invece di frammentare le forze e creare decine di programmini del cazzo che funzionano solo quando venere si scopa mercurio in congiunzione con saturno mentre passa la cometa di Halley? Eh? Assurdo!

CHE DIO VI BRUCI, TUTTI!

One thought on “Network Manager e WiCD, Linux e Wireless, con contorno di insulti e bestemmie fino a stancarmi

  1. Giuseppe

    Ti capisco… circa un mese fa installai ubuntu ad un mio caro amico, dato che non aveva wireless gli diedi una chiavetta USR che non avendo drivers per linux installai con Ndiswrapper. Dopo 10 minuti il wireless funzionò tranquillo tranquillo.

    Andiamo a noi che l’amico, non volendo sfruttare la mia chiavetta per sempre, si comprò una chiavetta “linux compatibile” con chipset Ralink , io pensavo che sarebbe stata una passeggiata, se ci avevo messo una decina di minuti con quelle “adattate”. Invece sono stati cazzi acidi, ho cercato in tutti i modi di riconfigurarla il risultato era che non riusciva ad acquisire un indirizzo IP dal mio router, ho cercato aiuto sul forum, ma niente. Come ho risolto? Ho installato all’amico Windows Xp e tanti saluti al cavolo.

    Morale della favola le USrobotics con i driver “rippati” da WinXp su Ubuntu funzionano, le Ralink “linux compatibili” non vanno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code class="" title="" data-url=""> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> <pre class="" title="" data-url=""> <span class="" title="" data-url="">